P. Rumiz
“Maps aren't
necessary to orient yourself,
but to dream about the voyage
on the months before the departure”

Cultura

Chiese, musei e monumenti del territorio, racconto di tradizioni e curiosità culturali e paesaggistiche.
Complesso abbaziale di Moggio Udinese
Il complesso abbaziale è costituito: dalla chiesa abbaziale , dal chiostro cinquecentesco, dalla chiesa, dalla “Torre delle prigioni” e dalla colonna della berlina.
La porta del Canal del Ferro, per chi vi giungesse da sud ovest, si apre a Moggio Udinese. Un paese in posizione privilegiata che con il colle di Santo Spirito e con il sottostante colle del complesso abbaziale offre una ...
Visualizza sulla mappa Vai alla scheda
Chiesa di S. Bartolomeo a Chiusaforte
Costruita nel 1854 sul “Cuel Moresc” a Campolaro, sostituì una preesistente chiesetta dedicata ai Santi Fabiano e Sebastiano.
Pierluigi Cappello nel romanzo Questa libertà, a proposito della chiesa di San Bartolomeo, scrive: “Ancor oggi mi dà l’idea del cappello di un adulto che sia stato gettato svogliatamente in testa ad un bambino.” L’immagine evocata dal poeta chiusano è ...
Visualizza sulla mappa Vai alla scheda
Flügelaltar di Pontebba
… Un altare carinziano per quella che fu l’ultima chiesa in territorio italico prima del confine col mondo tedesco.
Frutto della maestria degli scultori della bottega del Maestro Enrico di Villach, il Flügelaltar fa bella mostra di sé nella chiesa di Santa Maria Maggiore a Pontebba dal 1517 (data della realizzazione). Gioiello di scultura lignea l’altare pontebbano viene considerato ...
Visualizza sulla mappa Vai alla scheda
Chiesa di S. Gertrude a S. Leopoldo
Chiesa voluta da Otto I di Bamberga subito dopo il 1106, rimaneggiata più volte. Le forme attuali risalgono a dopo la prima guerra mondiale.
Si narra che tanto tempo fa, negli anfratti rocciosi del “Rio degli uccelli” (tra Pontebba e San Leopoldo), vivevano dei briganti che, a causa delle loro ruberie, disseminavano il terrore nella valle mettendo in pericolo l’incolumità di abitanti e viandanti. ...
Visualizza sulla mappa Vai alla scheda
Chiesa di S. Gottardo a Bagni di Lusnizza
La chiesetta sorge solitaria su di un vasto prato verde cui fanno da sfondo i crinali più bassi e “morbidi” delle Alpi Giulie.
Baricentro in equilibrio tra i due borghi del paese di Bagni di Lusnizza, la chiesetta di San Gottardo sorge solitaria su di un vasto prato verde cui fanno da sfondo i crinali più bassi e “morbidi” delle Alpi Giulie. Consacrata ...
Visualizza sulla mappa Vai alla scheda
Chiesa della Visitazione di Maria a Malborghetto
È una delicata Maria lactans (sec. XV), tanto cara alla devozione popolare femminile, ad accogliere i fedeli che oltrepassano il portale laterale per recarsi alla Messa nella graziosa chiesa di Malborghetto.
La Madonna, raffigurata nella lunetta sovrastante l’ingresso secondario della chiesa, è rappresentata nell’atto di allattare il Bambin Gesù. Il seno, secondo la prassi del tempo, è stilizzato e “spostato” al centro del petto in modo da apparire meno naturale possibile. ...
Visualizza sulla mappa Vai alla scheda
Chiesa dei Ss. Filippo e Giacomo a Ugovizza
Il restauro della chiesa ha permesso di mettere in luce importanti affreschi del '400.
L’ironia del destino ha intitolato una via della martoriata Ugovizza al 13 settembre 1903, data storicissima per il paese: in quel giorno luttuoso un’alluvione ne devastò l’essenza assieme alla sostanza materiale. Era un fatto talmente straordinario che si pensò di ...
Visualizza sulla mappa Vai alla scheda
Chiesa di S. Egidio a Camporosso
La chiesa di Sant' Egidio è la più antica chiesa della valle.
Fondata ai tempi del Vescovo Otto di Bamberga (1106/1139) la primigenia cappella di Camporosso, venne rifatta nel corso del 1400 e consacrata dal Vescovo Ferentillo nel 1471. La chiesa di Sant' Egidio è quindi la più antica chiesa della valle. ...
Visualizza sulla mappa Vai alla scheda
Santuario del Monte Lussari
"Perché una leggenda prenda vita è necessario un ambiente magico, e questo lo è ..."
Qui, sul Monte Santo, è nata la famosa leggenda legata all’edificazione del santuario del Lussari. Si narra che nel 1360 un pastore di Camporosso trovò le sue pecore sulla sommità del monte “accovacciate”, come in preghiera, davanti ad un cespuglio ...
Visualizza sulla mappa Vai alla scheda
Chiesa dei Ss. Pietro e Paolo Apostoli a Tarvisio
La chiesa, costruita nel 1445, conserva una vetrata raffigurante l’imperatore Enrico il Santo, colui che il 1° novembre 1007 donò le terre della Valcanale al Vescovo di Bamberga, proprietario della valle per oltre 700 anni.
Sulla facciata della chiesa dei SS. Pietro e Paolo, costruita nel 1445, fa mostra di sé uno sbiadito San Cristoforo (XVI sec.), il gigante traghettatore patrono dei viandanti, testimone di antichi pellegrinaggi dalla Mitteleuropa alla Città Santa. È praticamente scomparsa, ...
Visualizza sulla mappa Vai alla scheda
Torre rotonda della chiesa di Tarvisio
La torre ospita i resti dei soldati italiani deceduti nel tarvisiano durante la Seconda Guerra Mondiale.
Se gli abitanti di Camporosso, per contrastare l’orda ottomana, si affidarono all’intervento miracoloso della Madonna del Lussari che tendendo una corda infuocata decapitò i turchi invasori; i tarvisiani preferirono non rivolgersi al Cielo e confidarono nella loro Wehrkirche, la chiesa ...
Visualizza sulla mappa Vai alla scheda
Chiesa di San Nicolò a Coccau
Il campanile, per secoli, ha custodito una cripta contenente gli scheletri di 300 uomini.
La leggenda vuole che Coccau e la sua chiesa debbano il loro nome a Nicolò Goggau, un ricco viandante che, scampato miracolosamente all’agguato di un gruppo di briganti, fece erigere sul luogo del misfatto una cappella, divenuta, più tardi, la ...
Visualizza sulla mappa Vai alla scheda
Chiesa di S. Leonardo a Fusine
La chiesa di Fusine in Valromana domina il paese e la valle sottostante da una posizione panoramica spettacolare.
Fusine: già il toponimo rivela l’essenza del paese, il suo essere intimamente legato alla presenza di antiche fucine, alla lavorazione del ferro e alla produzione di catene. Un paese così caratterizzato non poteva non avere una chiesa intitolata a San ...
Visualizza sulla mappa Vai alla scheda
Chiesa parrocchiale-Pieve-Santuario di Santa Maria Assunta in Prato di Resia
La chiesa plebanale di Prato di Resia è dedicata alla Vergine Maria e risale a 900 anni fa.
La chiesa plebanale di Prato di Resia, ritenuta storicamente anche santuario, è dedicata alla Vergine Maria. Il suo aspetto attuale, assunto nel XVIII secolo, di stile basilicale lombardo non fa trasparire i suoi oltre 900 anni di storia. I riscontri ...
Visualizza sulla mappa Vai alla scheda
Chiesa parrocchiale di San Carlo Borromeo a Stolvizza
La chiesa di Stolvizza in Val Resia, edificata tra il 1747 ed il 1750, è dedicata a San Carlo Borromeo.  
L’attuale chiesa di Stolvizza in Val Resia edificata tra il 1747 ed il 1750 e dedicata a San Carlo Borromeo, al quale nello stesso paese vi era intitolata una precedente costruita nel 1627 che venne subissata a causa di una ...
Visualizza sulla mappa Vai alla scheda